• +Centralino +39 070 919 2573
  • bandinu.fr@tiscali.it

Solare Termico

Solare Termico

Gli impianti Solare Termico

Di seguito i vari tipi di Impianti Termo Solari che si possono installare a seconda delle esigente:

LA CIRCOLAZIONE NATURALE

Impianti Solare Termico

FUNZIONAMENTO
• Per differenza di densità si innesca la circolazione naturale che porta il fl uido caldo a salire verso il bollitore e quello freddo a riportarsi nella parte bassa del sistema.

VANTAGGI
• L’impianto solare a circolazione naturale è semplice ed economico e necessita di poca manutenzione (no pompa, no centralina).

LIMITI
• Lo scambio termico pannello-bollitore non è controllato da un sistema pompa-centralina. L’unico  modo di mantenere il controllo della temperatura massima del bollitore è quello di inserire una valvola di scarico termico che interviene tutte le volte che il bollitore supera il suo limite massimo di temperatura. Questo significa ca che, durante il periodo estivo, la valvola di scarico termico può aprirsi di frequente, scaricando all’esterno il contenuto del bollitore.
• Pericolo di gelo nelle tubazioni di adduzione dell’acqua di rete. Per questo motivo, tali sistemi vengono utilizzati maggiormente nelle zone a clima caldo.
• Pendolazione della caldaia dovuta a continue accensioni e spegnimenti. Tale problema non sussiste nel caso in cui la caldaia sia dotata di bollitore o abbia un campo di modulazione molto ampio sul sanitario.
• La collocazione del bollitore al di sopra dei pannelli è una necessità tecnica che però ha un forte impatto estetico

 

I SISTEMI DRAIN BACK

Termo solare in sardegna

 

FUNZIONAMENTO
• Sistema a circolazione forzata caratterizzato dallo svuotamento dei collettori quando l’impianto non è in funzione.

VANTAGGI
• Non è necessario utilizzare miscele di acqua e glicole dal momento che, quando l’impianto non è in funzione, le tubazioni sono vuote e non c’è pericolo di gelo.

• Durante l’estate, ad impianto fermo, i collettori si svuotano e non c’è pericolo di stagnazione.

LIMITI
• Si deve utilizzare una vera e propria pompa (non basta un semplice circolatore) che, oltre a vincere le perdite di carico del circuito, sia in grado di vincere l’altezza statica.

• Pendolazione della pompa: il passaggio dalla fase “off” alla “on” del sistema comporta un tempo di  riempimento dei collettori e una riduzione di effi cienza dovuta alla necessità di eliminare l’aria nel circuito.
• Il ΔT di funzionamento deve essere ampio per evitare frequenti accensioni e spegnimenti della pompa  (pendolazione frequente in caso di scarsa insolazione).
• Necessaria un’installazione accurata del sistema per evitare tratti di tubo in cui l’acqua possa ristagnare  (tipo sifoni o tratti di tubo orizzontali) dando origine a problemi di gelo.
• Limite sull’altezza dei collettori rispetto alla centrale termica e sulla taglia dell’impianto.

 

LA CIRCOLAZIONE FORZATA

Impianti Solare Termico - termo solare in sardegna
FUNZIONAMENTO
• Il fl uido termovettore (acqua+glicole) viene fatto circolare attraverso l’impianto, caricato in pressione,
per mezzo di un circolatore governato da una centralina solare. L’attivazione e lo spegnimento della pompa avvengono in base alla differenza di temperatura tra la mandata del campo collettori e la parteinferiore del bollitore.
VANTAGGI
• Rispetto ai sistemi a circolazione naturale e drain-back, questo sistema offre una maggiore flessibilità, affidabilità ed efficienza.
• È sufficiente un circolatore per vincere le perdite di carico del circuito solare.
• Possibilità di realizzare grandi impianti.
SVANTAGGI
• È necessario utilizzare acqua glicolata come fluido termovettore per evitare gelo nelle tubazioni esterne
durante l’inverno.
• Durante l’estate, in caso di mancato prelievo di calore da parte dell’utenza, il sistema può andare in
stagnazione (evaporazione del fl uido termovettore).
• Impianto complesso che necessita di una buona progettazione e combinazione dei componenti del
sistema.